Strategie per le Opzioni Binarie – Pivot Point

Un’altra delle strategie per opzioni binarie molto diffusa e considerata molto vincente è quella basata sui Pivot Point, un approccio strategico che propone si sfruttare questi quattro punti che vengono appositamente calcolati per stabilire uno degli indicatori fondamentali nel mondo del trading online. Anche in questo caso la peculiarità dei Pivot Point è di aiutarci in modo estremamente efficace nella lettura dei grafici economici, cosi da determinare più informazioni possibili tra quelle “nascoste” tra le oscillazioni dell’andamento di un asset.

Per stabilire i Pivot Point è appunto necessario effettuare un piccolo calcolo matematico, ma suggeriamo vivamente di non spaventarvi e di imparare a prenderci dimestichezza, cosi da poter godere del grande potenziale di questi indicatori.

Come abbiamo detto parliamo di quattro punti, due di supporto e due di resistenza, che si comportano esattamente come abbiamo visto parlando genericamente di supporti e resistenze: acquistiamo opzioni binarie call se il valore dell’asset di riferimento rimbalza sul pivot point di supporto o se rompe il pivot point di resistenza, acquistiamo invece opzioni binarie put se il valore dell’asset di riferimento rompe il pivot point di supporto o se rimbalza sul pivot point di resistenza.

Per calcolare i Pivot Point è necessario avere come riferimento alcun dati precisi del grafico, che andiamo ad analizzare prendendo riferimento alla sessione di trading immediatamente precedente, è infatti necessario conoscere i seguenti valori:

X – Il valore massimo raggiunto dall’asset
Y – Il valore minimo raggiunto dall’asset
Z – Il valore di chiusura dell’asset
Questi valori verranno poi relazionati tra di loro per ottenere quello mancante, ovvero K, la media del valore tenuto dall’asse nella precedente sessione di mercato. Per stabilire quest’ultimo valore è possibile procedere con questa semplice funzione: K = ( X+Y+Z)/3

Avendo ora a disposizione tutti e quattro i valori X,Y,Z,K possiamo appunto procedere al calcolo dei Pivot Point, iniziando con la prima coppia di valori di Supporto e Resistenza: S1 e R2.

Supporto 1 =  (2 x  K)  – X
Resistenza 1 =  ( 2 x  K ) – Y
Ottenuti i valori S1 e R1 è quindi procedere con il calcolo della successiva coppia Supporto 2 e Resistenza 2 (S2 e R2):

Supporto 2 =  K – (R1 – S1)
Resistenza 2 =K – (S1 + R1)
A questo punto, calcolati tutti i Pivot Point, sono diversi i metodi di approccio alla relativa strategia, dei quali noi vi proponiamo cinque diverse varianti, ma prima di procedere è importante ricordare quelli che saranno i nostri “punti fermi” qualsiasi sia il metodo che applicheremo: acquisteremo opzioni binarie Call quando il valore dell’asset raggiunge i Pivot Point di supporto o supera quelli di resistenza, acquisteremo opzioni binarie Put quando il valore dell’asset raggiunge i Pivot Point di resistenza o supera quelli supporto

Strategia Pivot Point “Pivot Bull” – è applicabile quando il mercato si apre con un valore superiore a quello dei pivot point mostrando quindi un atteggiamento rialzista che ci invita ad operare attendendo la formazione di una candle stick sul grafico, momento nel quale potremmo sfruttare tutti i rimbalzi rialzisti per operare il nostro trading.
Strategia Pivot Point “Breakout Trade” – è applicabile quando il mercato di un asset sta procedendo in ribasso e consideriamo che il trend rimanga tale, facendo quindi trading con la vendita quando il valore dell’asset raggiungerà i pivot point inferiori.
Strategia Pivot Point “Breakout of Resistance” – è applicabile quando nella stessa sessione di trading il valore di un asset si mantiene sempre vicino ad S1, momento nel quale può risultare indicato  optare per un acquisto al valore della linea immediatamente superiore.
Strategia Pivot Point “Pullback Trade” – è applicabile quando il valore dell’asset supera S1 per poi subire un’inversione di tendenza, momento nel quale è sensato decidere per una vendita ad un valore inferiore di quello del supporto di riferimento.
Strategia Pivot Point “MACD Moving Average” – è applicabile quando facendo affidamento su due diverse medie mobili viene confermato un breakout, momento in cui diventa utile fare trading seguendo le stesse indicazioni che si otterrebbero da un MACD.

Qualsiasi sarà il metodo con il quale deciderete di sfruttare la vostra strategia basata sul calcolo dei Pivot Point, tante saranno le possibilità di successo del vostro trading, come sempre ulteriormente aumentate in caso di utilizzo combinato di più strategie, più indicatori e più strumenti tra tutti quelli a vostra disposizione per affrontare in maniera sempre approfondita le vostre analisi di mercato ed in modo sempre più preciso le vostre scelte di trading con opzioni binarie.